Background Image
Tavenna, CB, Italia
Call us anytime +39 0875 97244
Specification

BREVI CENNI STORICI
Le origini del piccolo borgo risalgono al periodo aragonese, epoca in cui una colonia di slavi diede vita all’abitato con una progressiva fusione con la popolazione locale. Il suo primo nome fu “Casal Tavenna“, poi si chiamò “Casale di Tabenna” , in lingua slava “Tavela”, fino a giungere ai nostri giorni con il nome di Tavenna. Tavenna si pensa fosse caratterizzata da molteplici casali diffusi sul territorio. In particolare si pensa che Tavenna prima fosse situate sulla vicina collina di Montelateglia (dove oggi sorge il cimitero con annessa la cappella dedicata alla Madonna di Montelateglia), infatti durante il papato di Leone III, a Montelateglia vi fondarono un monastero i benedettini, i quali vi arrivarono nel periodo 795-816 forse da Montecassino. Comunque, l’insediamento di Montelateglia nei secoli seguenti perse, anche se con gradualità, il fasto antico e deperì fino ad essere ridotto a poco più che un semplice villaggio; nel secolo XV rimase completamente disabitato a causa forse, dei terremoti e, soprattutto, della peste molto frequente in quel periodo. Il paese si estende su un territorio di 21,95 Kmq ed è situato a 552 metri sul livello del mare. Gli abitanti, i tavennesi, sono circa 700. Tavenna dista 65 Km da Campobasso e 75 Km da Isernia. Il piccolo borgo offre ai suoi abitanti e ai visitatori una notevole diversità di paesaggi: a nord i monti della Maiella e Gran Sasso, a Sud il Gargano, a Est il mare Adriatico e le isole Tremiti, a Ovest l’Appennino interno molisano. Il territorio si caratterizza per la presenza di querce, ulivi da cui si produce un ottimo olio di oliva, mandorli, noci, fichi e fitti cespugli di ginestre, che nel periodo di fioritura regalano alle pendici della collina, il tipico colore giallo e diffondo nell’aria un caratteristico profumo.

ELENCO LUOGHI DI RILEVANZA ARCHEOLOGICA, ARTISTICA, STORICO E CULTURALE

Tavenna come siti di rilevanza archeologica o storica, non ha elementi ma può godere di un patrimonio artistico – religioso abbastanza florido e variegato, che investe stili architettonici molto diversi. La CHIESA DI MARIA SANTISSIMA CORONATA DAGLI ANGELI, chiesa nasce come cappella privata della famiglia Drusco, famiglia nobile, soprattutto famiglia di abati molto influente nella piccola cittadina. È una chiesa finita di edificare nel 1707, ci sono due imponenti statue San Luca e San Vito, un altare sormontato da un intaglio ligneo, in legno dorato, un’unica navata con uno stile semplice, ad eccezione delle cornici e degli intagli in stile barocco. LA CHIESA SANTA MARIA DI COSTANTINOPOLI, un’unica navata centrale ricca di bellezza ed eleganza, marmi chiari si alternano a marmi rossi e in alcuni punti verdi, due vetrate artistiche sormontano uno la porta d’ingresso e uno la croce lignea con Cristo Morto. Numerose nicchie ai lati della chiesa nelle quali alloggiano altrettante statue di Santi e Martiri tra cui la statua di san Giorgio, patrono del paese. A navata è costeggiata da 4 altari minori e sul pavimento dopo il recente restauro è riaffiorato un mosaico che occupa l’intera area del pavimento. L’altare maggiore è sormontato da una cupola e ai lati si ergono due angeli in marmo che sembrano essere sospesi nell’aria, di recente si è provveduto alla realizzazione di un nuovo portone e alla restaurazione della statua di San Michele arcangelo. LA CAPPELLA DI SAN NICOLA, una cappella piccola ed essenziale collocata all’ingresso del paese, costruita per accogliere la statua di San Nicola, oggi in realtà la statua viene collocata nella sua cappella solo per i mesi estivi, perché in quelli invernali essendo una cappella esposta completamente alle intemperie, è soggetta ad umidità che causerebbe un lento e progressivo deterioramento della statua. È una cappella dallo stile molto essenziale, caratterizzata da semplicità e linearità, unico sfarzo, una cornice ad intaglio ligneo che arricchisce la nicchia di San Nicola,

di recente donazione, il portone nuovo. LA CHIESA DELLA MADONNA DI MONTELATEGLIA, sorge su un colle, quello di Montelateglia dirimpetto al piccolo paesino, è una cappella ricostruire sulle rovine di quella fondata dai monaci benedettini che si insediarono sul colle e fondarono i primi insediamenti di quello che sarebbe diventato poi il paese di Tavenna. Anche questa è una chiesa dallo stile molto semplice ed essenziale, un’unica navata e un altare maggiore in pietra sopraelevato rispetto al pavimento, tre nicchi in vetro contengono le statue della Madonna di Montelateglia, San Donato e San Nicola, è una chiesa con un soffitto molto alto di recente ritinteggiato.

ELENCO MANIFESTAZIONE RICORRENTI ANNUALMENTE CON RELATIVE DATE

Molteplici le manifestazioni che ricorrono ogni anno a partire da quelle religiose a quelle di carattere enogastronomico, sportivo e culturale:

  • 23 APRILE: Santo patrono San Giorgio
  • Ultimo week-end di aprile: Madonna Incoronata
  • 10 – 11 maggio: Madonna di Montelateglia e San Nicola
  • 13 giugno: Sant’Antonio con la tipica sfilata dei carri e buffet finale offerto dall’Associazione CarristiTavennese
  • 7 agosto: V x ventricina, degustazione del tipico insaccato protagonista della gastronomia tavennese,organizzata dall’associazione Gioventù Tavennese. In questa occasione è possibile degustare i cavatelli fatti a mano con un caratteristico Sugo alla Ventricina, panini con la Ventricina e spiedoni di Ventricina tutto allietato da ottima musica.
  • 14 agosto: CorriAMO per il luppolo, una gara podistica non competitiva di 7,5 Km, con protagonista la birra. Manifestazione che richiama molti atleti professionisti e non che partecipano entusiasti. Oltre a un buon bicchiere di birra, ogni atleta riceve una maglietta e un ristoro ogni anno diverso.
  • 16 agosto: sfilata abiti da sposi dal novecento ad oggi, realizzato in particolare da due ragazzi, due amici appassionati di fotografia e moda che riportano in vita abiti da sposa e non dal novecento ad oggi.
  • 2 – 3 settembre: oltre la festa religiosa che si svolge solo il tre settembre, in questi giorni si svolge la manifestazione Artigianato a…Tavenna, una fiera dell’artigianato, in cui piccoli e grandi artigiani mettono in mostra e in vendita i propri prodotti, enogastronomici e artistici. Oltre alla manifestazione, celebre è la sagra della pecora alla Santa Irene, piatto tipico dell’eccellenza enogastronomica tavennese, un piatto ricco di gusto e profumo, la carne di pecora sapientemente lessata, sgrassata e poi una lenta cottura con il pomodoro fresco, e quegli odori dell’orto che rendono questo piatto un must delle tavole tavennesi soprattutto in questi giorni. È una festa questa che richiama moltissima gente soprattutto dai paesi limitrofi, che giungono affamati e desiderosi di degustare, grazie all’AVIS Tavenna che si rende promoter di questa sagra, un buon piatto di carne di pecora alla Santa Irene.

ALTRE CARATTERISTICHE

Oltre questi eventi e manifestazioni, degustazioni e esposizioni, è da ricordare anche il famoso Punch di Tavenna, un amaro realizzato, ora solo da pochissime donne oltretutto anziane che si cimentano ancora in questa delicatissima arte. Molto famosi e soprattutto deliziosi “li tarall” (i taralli) tipico dolce realizzato soprattutto in occasione della festa di Sant’Antonio. E come dimenticare il meraviglioso panorama che si apre davanti a questo paese che è chiamata da molti la terrazza del Molise: il mare, le tremiti, i monti della Maiella e l’appenino con i suoi paesini, e poi se vuoi respirare aria “fine” e fresca Tavenna è il posto ideale.

No Reviews

Post a Comment

Write a Review

Tavenna, CB, Italia

Get Directions
Enquire now
You dont have permission to register

Password reset link will be sent to your email